x
Questo sito web utilizza Google Analytics per consentire al sito web di analizzare come gli utenti utilizzano il sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso di questi cookie leggi qui

La direzione del nostro sguardo è fondamentale per la giusta e corretta posizione sugli sci. Pare strano ma un gran numero di errori nell'esecuzione della traiettoria di curva dipendono da dove viene indirizzato lo sguardo. Molto frequentemente lo sciatore è condizionato dalla neve al suolo e dalla visibilità in genere. Risulta istintivo presso la maggior parte degli sciatori essere rassicurati da dove i loro sci passano e che cosa incontrano; la neve smossa riduce sensibilmente la capacità di agire e di mettere in pratica le conoscenze tecniche. La neve fresca ne è una dimostrazione evidente. Guardare a terra significa arretrare con il baricentro e perdere l'equilibrio, non riuscire più a premere contro la parte anteriore degli scarponi e quindi sedersi anzichè piegarsi in avanti. Rivolgere lo sgurdo a terra e all'interno della curva, determina una evidente rotazione del busto e quindi un eccessivo sbilanciamento sullo sci a monte e perdita dell'esterno. Il risultato è un abbandono delle code degli sci che, invece di condurre traiettorie definite, derapano. Un altro errore che compromette seriamente l'equilibrio è guardare dove si appoggia il bastoncino. Come dalla lezione on line, il bastoncino si appoggia con l'intervento del polso senza variare l'assetto delle spalle e lo sguardo viene mantenuto verso la pista, in avanti. Guardando a terra si finisce nuovamente in rotazione e arretramento. Facendo un passo avanti e osservando i ragazzini che si avvicinano alle gare e che dovranno migliorare sempre più la centralità, capiamo benissimo che se guardassero solo verso la porta che stanno affrontando, senza preoccuparsi del tracciato, non sarebbero in grado di scegliere le traiettorie e dopo poco si troverebbero in forte ritardo. La prova lampante è rappresentata dagli atleti della Coppa del Mondo, fateci caso. Concludo dicendo che dobbiamo...guardare avanti e che non dobbiamo lasciarci condizionare dal tipo di neve sul quale stiamo sciando; dobbiamo SENTIRE su che tipo di neve sciamo.

Condividi

Copyright Skisensation.it 2013 ©